IL LATTE E LA CARNE

Il lavoro rappresenta due figure femminili gemelle, del tutto simili ma non identiche, e rimanda al fenomeno inquietante del doppio, che da una parte sembra negare, dall’altra rafforzare il senso dell’identità. Il nostro corpo rappresenta la porzione di spazio che occupiamo, ma è anche una sorta di prigione che ci costringe al suo interno, un fantasma che ci appare in modo frammentario solo nel miraggio degli specchi. Anche il titolo, Il latte e la carne, tratto da un testo di Cristina Campo, si riferisce ad una ambiguità che si gioca tra una sensualità sfuggente e un’atmosfera vagamente religiosa.
(dal testo di Rosalba Paiano)

The work illustrates two female twins figures, very similar but not identical. It cross-refers to the disturbing phenomenon of double that seems either denying or strengthening the sense of identity. Our body represents the part of the space we occupy, but it is also a sort of jail that blocks us inwards; a ghost appears in a fragmented way only through the optical illusion of the mirrors. Also the title, “Milk and meat”, based on the Cristina Campo’s work, refers to an ambiguity between an evasive sensuality and a vaguely religious atmosphere.
(By the Rosalba Paiano’s work)